Dell’Intimo e del Fugace

venerdì 10 marzo

Ore 21:00

Coreografie

Chelo Zoppi

Produzione

Spettacolo consigliato a
Tutti

Sinossi

Una creazione condivisa con ognuno degli interpreti, che s’incentra sulla ricerca istantanea delle tracce che il corpo sottile lascia nell’aria. E come la tela del ragno solo in controluce si svela, così il gesto più intimo e sottile, solo socchiudendo gli occhi, si può intravedere. Una danza che cerca la sua verità nella necessità d’ essere compiuta. “Entro in sala, guardo i miei danzatori, tutte persone che conosco da tempo, persone che amo, non gente di passaggio, e penso che qui, e solo qui, posso dare il meglio di me. Entro in sala, e guardo nei loro occhi e nei loro corpi, curiosa di scoprire tutto ciò che ancora non so di me. Entro in sala ogni giorno e lascio tracce di un corpo, il mio, che da un po’ di tempo sente il tempo che sta attraversando, un’età, la mia, in cui riflettere sulla vita diventa una sorta di mantra quotidiano, e talvolta il segno del pensiero s’incastona in una giuntura, in un arto, in un muscolo, provocando un dolore insopportabile. Lo stesso dolore che l’anima non sostiene, a meno che non s’inizi a danzare.”

Chelo Zoppi

CHELO ZOPPI
coreografa e insegnante. Nata a Livorno si forma nella danza classica per poi incontrare Marina S. Van Hoecke (Direttrice artistica del Conservatoire de Danse di Bruxelles, già docente al Mudra di Bejart”). L’incontro con il coreografo Virgilio Sieni a metà degli anni’ 80 segna l’inizio del suo percorso artistico verso la ricerca e la sperimentazione. L’indagine del corpo e l’utilizzo di strumenti propri dell’ improvvisazione caratterizzeranno sia la pratica performativa sia la metodologia dell’ insegnamento. E’ direttrice artistica e docente dell’associazione culturale Atelierdellearti di Livorno centro permanente di ricerca coreografica e di formazione per la danza contemporanea. Nel 1996 fonda la CompagniadanzaNoal, di cui coreografa tutte le produzioni fino ad oggi. Collabora con artisti italiani ed europei creando e danzando numerose coreografie e performance in Italia, e all’ estero, come artista indipendente. Dal 2007 ad oggi collabora con la Compagnia Virgilio Sieni e l’Accademia sull’Arte del Gestoper la realizzazione di progetti articolati di formazione e creazione allo scopo di costruire nei vari territori un contesto sui linguaggi della danza in relazione alla comunità e la città. 2016 viene invitata alla Biennale Danza di Venezia diretta da Virgilio Sieni, all’ interno del progetto Vita Nova con il brano Four.(prodotto da Biennale Danza di Venezia , Fondazione Teatro Goldoni di Livorno e Atelier delle arti Livorno). Con lo stesso brano viene ospitata al Festival la Democrazia del Corpo / Cango-centro di produzione sui linguaggi del corpi e della danza, Firenze.


Come Arrivare
    Centro Artistico il Grattacielo
  • Via del Platano, 6, Livorno